Machete, recensione di Biagio Giordano

Machete, di Ethan Maniquis, R. Rodriguez, con Danny Trejo, Robert De Niro. Usa, 2010, genere thriller, durata 105 minuti.
Machete, ex agente della polizia federale messicana, vaga per le strade bruciate del Texas, quando gli viene proposto per 156.000 dollari di assassinare un senatore ritenuto corrotto, accettato l’incarico Machete si rende conto al momento dell’esecuzione di essere caduto in una trappola.
Tre anni dopo Machete scatena la vendetta contro gli ideatori del piano. Film fumettistico che stempera con questa forma di scrittura l’eccessiva violenza dei contenuti, la storia è raccontata con sarcasmo, l’autore produce originalità inventiva di buon gusto, facendo entrare in gioco quella follia omicida che più si annida, subdola, in ciascun essere umano: pronta ad esplodere, come nel film, in ogni situazione conflittuale priva di regole.
Biagio Giordano

machete-507731031ee2c[1]

 

Machete, recensione di Biagio Giordanoultima modifica: 2019-09-28T09:51:05+02:00da biagiord
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento